venerdì 20 aprile 2012

Il vero compenso che percepisco non ha un valore monetario

 

In questi giorni i fan della pagina Facebook della congrega mi hanno spiazzata con alcuni commenti. Brûlant sta piacendo sempre di più, c'è chi chiede quando uscirà Indigo, chi quando faranno un film ma c'è stato un commento in particolare che mi ha fatto riflettere: 
"ripagherei altre 100 volte per ritrovare la magia di quel libro, hai un dono speciale benedetto dagli Dei se ti permette di scrivere in quel modo!"
Appena l'ho letto sono andata indietro con la memoria al momento esatto in cui stendevo il testo ed è vero, in più di un'occasione mi sono sentita soltanto una mano che digitava i tasti sulla tastiera del computer. Era come se non avessi nessun potere decisionale sulle parole che venivano impresse, una sorta di dettatura dall'alto.
Personalmente non so se ho un dono oppure no, quello di cui sono certa è che se anche una sola persona avrà capito gli insegnamenti che ho nascosto fra le righe allora la mia fatica sarà ripagata...

2 commenti:

  1. L'ho scritto allora e ne sono sempre più convinta... il tuo è un dono, chiaro, semplice e puro e non ti ringrazierò mai abbastanza per aver permesso a me, come a tutti quelli che ti seguono e seguono le vicende di Christian e Brigitte, di averci reso partecipi di questo.
    Indipendentemente dalla fede che uno abbia, che sia pagano o meno, penso che traspaiano i fondamenti su cui si basa questo culto, che è amore per la natura e gioia di viverla e che tutto questo non possa essere confuso o criticato, ma possa solo affascinare e avvicinarci, perchè il paganesimo è anche questo, amore e condivisione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio ancora una volta, un abbraccio )O(

      Elimina